Come sfuggire a un'onda anomala

 Come sfuggire a un'onda anomala

James Roberts

L'estate sta volgendo al termine e se siete riusciti ad andare in spiaggia quest'anno, siete riusciti ad abbronzarvi... e Congratulazioni! Ma c'è un altro pericolo per il nuoto di cui dovete essere consapevoli e che sta entrando nella sua stagione più pericolosa: la riptide.

I riptidi (propriamente chiamati rip correnti Sono canali d'acqua lunghi e stretti che si spostano dalla costa al mare e possono trascinarci con sé. Sono molto più comuni durante la stagione degli uragani, e in particolare durante il picco della stagione degli uragani, che va da agosto a ottobre.

L'80% di tutti i tentativi di salvataggio in acque libere è dovuto alle correnti di riporto, che mietono oltre 100 vittime all'anno. Ecco quindi un'introduzione su cosa sia una corrente di riporto, su come individuarla e su come sopravvivere se si viene presi in braccio e portati a spasso.

Che cos'è una corrente anomala?

Le correnti di strappo sono canali d'acqua che si allontanano dalla costa e si dirigono verso il mare. Quando le onde si infrangono sulla costa, l'acqua si accumula e ha bisogno di un posto dove andare. Invece di ritornare sulla barriera corallina o sul banco di sabbia da cui proviene, la corrente può prendere il percorso di minor resistenza e incanalarsi in un canale tra due ostacoli. Ecco un pratico diagramma e una spiegazione più tecnica dal NOAA:

  • Le onde si infrangono sulle barre di sabbia prima di infrangersi nell'area del canale.
  • La rottura delle onde provoca un aumento del livello dell'acqua sulle barre rispetto al livello del canale.
  • Si crea un gradiente di pressione a causa dell'innalzamento del livello dell'acqua sulle barre.
  • Questo gradiente di pressione determina una corrente lungo la costa (la corrente di alimentazione).
  • Le correnti longshore convergono e virano verso il mare, scorrendo attraverso la zona bassa o il canale tra le barre di sabbia.

Esistono tre tipi di strappi:

Flash rip: Una corrente di strappo può formarsi all'improvviso e scomparire altrettanto rapidamente a causa della diminuzione del livello dell'acqua o dell'aumento dell'altezza delle onde.

Guarda anche: DE indotta dal porno

Strappo fisso: Uno strappo fisso, che a volte si forma tra le barre di sabbia, può rimanere nello stesso punto per giorni, settimane o addirittura mesi.

Permanente Rip: In un luogo con un ostacolo permanente come la barriera corallina, l'insidia può essere sempre presente.

Come riconoscere una corrente di strappo

Le correnti di strappo possono verificarsi ovunque ci siano onde che si infrangono, compresi i grandi laghi. Individuare una corrente di strappo non è sempre facile, soprattutto per un occhio inesperto. Assicuratevi quindi di prestare attenzione agli avvertimenti che vengono affissi e rilasciati da bagnini e simili.

Ecco alcune cose da vedere e le immagini dell'Università del Delaware:

Un canale di acqua agitata, schiumosa o agitata.

Una corrente anomala raccoglie cose come le alghe, formando una conga line di detriti che si muove costantemente verso il mare.

Oltre ai detriti, la corrente di risucchio raccoglie e smuove la sabbia, quindi cercate le zone dell'acqua di colore diverso da quello dell'acqua circostante.

Un'interruzione nel modello di onde in arrivo

Come sfuggire a una corrente anomala

Come già accennato, una corrente di strappo può comparire all'improvviso e può anche aumentare rapidamente la sua velocità. Una corrente di strappo che si muove a 1,2 metri al secondo non è motivo di allarme, ma può iniziare rapidamente a muoversi a una velocità più pericolosa di 1,3 metri al secondo e sono stati registrati addirittura dei passaggi a 8 metri al secondo.

Se venite catturati da una marea, ecco cosa fare:

Non fatevi prendere dal panico. La sensazione di essere travolti dal mare può essere terrificante, ma cercate di mantenere la calma: le correnti ascensionali non vi trascineranno a fondo, sono solo canali d'acqua in movimento. E anche se possono estendersi per un certo tratto, alla fine si dissipano, per lo più entro 50-100 metri dalla linea di costa. Quindi non vi ritroverete sulle rive di un'isola deserta con solo un pallone da pallavolo come amico.

Non cercate di nuotare contro l'onda. I decessi causati dalle correnti ascensionali non sono causati dalla corrente che trascina una persona sotto di sé, bensì dal fatto che la persona si fa prendere dal panico, inizia a cercare di nuotare contro la corrente per tornare a riva, si esaurisce e annega. Una corrente ascensionale di 8 metri al secondo è così forte che nemmeno Michael Phelps riuscirebbe a contrastarla. Non scalciare contro le correnti ascensionali.

Nuotare parallelamente alla riva. Invece di nuotare contro la corrente, si desidera nuotare perpendicolare Le correnti di strappo sono in genere larghe solo dai 20 ai 100 metri. Una volta usciti dalla corrente di strappo, nuotate con un angolo di allontanamento verso la riva.

Guarda anche: Perché è necessario un piano di lettura

Seguire la corrente. Se non avete le capacità o l'energia per nuotare fuori dallo strappo, galleggiate sulla schiena e seguite la corrente. Immaginate di fare un giro sul Lazy River del parco acquatico che frequentavate da bambini. Una volta che la corrente di strappo si è dissipata, potete fare la nuotata parallela o cercare di segnalare al bagnino o a qualcun altro che avete bisogno di aiuto.

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.