Come vestirsi per ogni tipo di colloquio di lavoro

 Come vestirsi per ogni tipo di colloquio di lavoro

James Roberts

Ieri abbiamo illustrato i motivi per cui è molto importante l'abbigliamento che si indossa a un colloquio di lavoro, sfatando anche un mito comune: l'abito formale da lavoro è non Spesso lo è, e se non avete altro su cui basarvi è probabilmente la scelta più sicura, ma sappiate che un abbigliamento eccessivo può costarvi un lavoro con la stessa facilità di un abbigliamento inadeguato. Un ragazzo che si presenta al colloquio per un lavoro a paga oraria in un'officina in giacca e cravatta non ha l'aria di una persona che capisce la cultura di quel posto di lavoro o che si atterrà alla cultura di quel posto di lavoro.è in giro da molto tempo: è chiaro che ha in mente posizioni più importanti e migliori.

Di seguito vi illustriamo non solo la regola generale da tenere a mente quando decidete cosa indossare per un colloquio di lavoro, ma anche le cinque categorie di codici di abbigliamento da conoscere, gli abiti specifici da indossare per ogni codice e persino i consigli per la cura del corpo che vi faranno fare un salto di qualità.

La regola "un passo più in alto

La regola migliore per l'abbigliamento da colloquio è la seguente: vestitevi con un livello di formalità significativamente superiore a quello che usereste per un giorno di lavoro.

In parole povere, si tratta della regola "un passo più in alto": se in un giorno normale indossereste pantaloni kaki e camicia elegante, ma senza cravatta, dovreste presentarvi al colloquio in pantaloni, blazer e camicia con cravatta, ma non in giacca e cravatta. Se al lavoro indossereste jeans e polo, indossate pantaloni kaki e cravatta, ma senza giacca, e così via.

Tutto bene, direte voi, ma a un colloquio non avete ancora lavorato un giorno in azienda. Probabilmente non avete nemmeno visto il manuale dei dipendenti, il manuale delle risorse umane, il codice di abbigliamento o qualsiasi altro documento che stabilisca gli standard di abbigliamento. Quindi come fate a sapere qual è il livello base di formalità e quindi come vestirvi un gradino più in alto?

Un intervistato intelligente si prenderà il tempo necessario per conoscere gli standard di abbigliamento di un'azienda prima di recarsi al colloquio. A seconda delle vostre conoscenze, potete farlo in tre modi:

Informazioni interne: Ovviamente non tutti hanno questa possibilità, anche se in alcuni casi l'offerta di un colloquio è accompagnata da istruzioni del tipo "non è necessario indossare un abito" o "vestirsi in modo professionale"; in alcuni casi è anche possibile inviare un'e-mail al supervisore per cui si lavorerà e dire "sono entusiasta di aver ottenuto il colloquio - cosa mi consiglia di indossare?" o parole del genere.Le raccomandazioni interne di qualsiasi tipo sono i migliori spunti che si possano ottenere, quindi se avete una fonte, usatela.

Visitate il sito: Se non avete una fonte interna e non volete chiedere, andate in ufficio e verificate di persona. Se arrivate all'inizio o alla fine della giornata lavorativa, dovreste essere in grado di vedere molte persone che entrano o escono con le loro uniformi quotidiane. Nella maggior parte dei casi potete anche entrare nell'atrio, anche se potreste dovervi presentare all'addetto alla reception.

Snooping online: Alcune aziende hanno una presenza attiva sul web e potrete fare un po' di ricerche per determinare cosa indossano in genere le persone che lavorano lì. Su un sito web o su qualche account di social media, potreste trovare una foto del dietro le quinte o di una festa di lavoro. Usatele come guida approssimativa per il codice di abbigliamento generale dell'ufficio.

Guarda anche: L'allenamento per i prigionieri: esercizi di peso corporeo micidiali per spazi ridotti

Indovinelli educati: Nel caso di un'azienda lontana, dove non conoscete nessuno, non avete molte opzioni valide. La cosa migliore che potete fare è determinare gli standard generali del vostro settore e optare per quelli più elevati. In ciascuna delle sezioni seguenti parleremo di come vestirsi in base a ciascuno standard, ma inizieremo anche con un elenco di settori in cui quello specifico standard è comune. Non è al 100%Non è infallibile, ma di solito si possono fare ipotesi del tipo "indossa un abito per un colloquio di lavoro in banca" o "non indossare la cravatta per un colloquio di lavoro pratico in un ranch".

Comunque sia, per capire cosa indosserebbe normalmente un dipendente nella posizione per cui vi state candidando, ricordate la regola del "passo avanti": vestitevi con un livello di formalità significativamente superiore a quello che indossereste per una giornata di lavoro.

Livelli di formalità: le cinque categorie per le interviste

Per analizzare un po' più nel dettaglio, ecco le grandi categorie di formalità che dovreste utilizzare come categorie o "fasi" di formalità:

  • Abito da lavoro rigoroso
  • Abito da lavoro
  • Business Casual
  • Casual
  • Abiti da lavoro

Analizziamo ciascuno di essi in modo più dettagliato.

Il colloquio in abito da lavoro rigoroso

L'abito da lavoro è una categoria che presenta una certa flessibilità, per questo motivo abbiamo inserito l'"abito da lavoro rigoroso" come categoria a sé stante, oltre al semplice "abito da lavoro", dove non solo è necessario vestirsi come un uomo d'affari, ma come un uomo d'affari che fa le scelte più formali e conservatrici.

Quando è opportuno fare un colloquio di lavoro con un abbigliamento rigoroso

Se state facendo un colloquio per un lavoro che richiede di indossare un abito da lavoro ogni giorno, l'unico modo per vestirsi in modo più formale per il colloquio è indossare un abito da lavoro. molto bene, In genere ci si veste così bene quando ci si candida in settori che hanno già elevati standard di presentazione:

  • Importanti studi legali
  • La maggior parte delle posizioni bancarie e finanziarie
  • Ruoli esecutivi
  • Posizioni politiche di alto livello

Il filo conduttore è il lavoro per persone potenti: se tutti i colleghi indossano già un abito, il vostro abito deve fare colpo.

Guarda anche: Elenco di letture per uomini: 34 libri sull'essere uomo

Elementi di un abbigliamento business rigoroso

Non c'è spazio per gli errori e molto poco per l'espressione personale quando si cerca di impressionare un datore di lavoro ben vestito. Attenetevi all'interpretazione conservatrice dell'abbigliamento business:

  • Il vestito: Lana di lana filata nei colori blu scuro o grigio antracite, senza fantasie. Giacca monopetto. Vestibilità sartoriale, se possibile; se non potete permettervi un abbigliamento su misura, fate almeno regolare da un sarto il vostro abito pronto per l'uso in base alle vostre misure.
  • La camicia: Bianco semplice con colletto aperto o a punta (non abbottonato); punti del colletto ben definiti (usare stecche o amido o entrambi), fronte liscio, senza grinze; vestibilità sartoriale, se possibile.
  • Le scarpe: Calze oxford nere semplici, ben lucidate, senza alternative. I calzini devono essere in tinta con il colore dei pantaloni, ovvero calze grigio antracite con un abito grigio antracite.
  • La cravatta: Colore e motivo conservativi, niente di vivace o appariscente. Lunghezza tale che la punta tocchi la vita della cintura/pantaloni, senza che la camicia si intraveda nel mezzo, anche quando ci si muove. Nodo centrato e simmetrico, con una piccola fossetta nella cravatta appena sotto.
  • Gli accenti: Cintura di pelle nera semplice con una piccola fibbia di metallo (o bretelle di colore scuro se non ci sono passanti per la cintura). Fazzoletto da taschino bianco, ben piegato (a punta o orizzontale) nel taschino della giacca. Orologio semplice di metallo o con cinturino di pelle nera; il metallo deve essere in tinta con la fibbia della cintura.

Poiché a questo livello di formalità c'è poco spazio per l'espressione personale, i dettagli contano più di quanto non facciano in situazioni in cui ogni candidato è più vario. Tutto deve essere ben stirato, affilato e molto ordinato, e la vestibilità degli abiti deve essere la più aderente possibile.

I colloqui che richiedono una rigorosa tenuta da lavoro sono rari e di solito sono ad alto rischio. A questo punto siete in serie A. Non risparmiate tempo o spese per prepararvi. Per il tipo di stipendio che comporta un lavoro del genere, non è economico lesinare sulla preparazione.

Il colloquio in abito da lavoro

L'abito da lavoro "rigoroso" serve per impressionare i datori di lavoro che indossano abitualmente un abito da lavoro completo. Nella maggior parte degli altri colloqui, anche quelli molto formali, è possibile indossare un abito da lavoro (cioè un completo, una camicia con colletto e una cravatta) con un po' più di libertà rispetto alle situazioni più rigide.

Ci sono ancora regole e limitazioni, ma c'è spazio per uno stile personale fatto con gusto.

Quando fare un colloquio in abito da lavoro

L'abito da lavoro si indossa per i colloqui di lavoro in cui non si indossa l'abito tutti i giorni, ma si può essere chiamati a farlo per riunioni o presentazioni importanti. È anche un buon standard per vestirsi quando ci si candida per un lavoro che non richiede l'abito, ma che in genere prevede l'uso di un blazer o di una giacca sportiva e di una cravatta, o di pantaloni e camicia elegante.

Tra i contesti tipici in cui è consigliabile indossare un abito da lavoro per il colloquio vi sono i seguenti:

  • Alcuni studi legali e banche con un'inclinazione casuale
  • La maggior parte delle posizioni manageriali o amministrative
  • Lavori di consulenza aziendale
  • Relazioni pubbliche, pubblicità e lavori simili ad alta qualifica per colletti bianchi
  • Molte posizioni politiche o di servizio pubblico di alto livello
  • La maggior parte delle posizioni di insegnamento/accademiche

Può essere una buona idea anche per chi si candida a lavori poco qualificati in contesti di alto livello: persino per una posizione di segreteria potrebbe valere la pena di sostenere un colloquio in giacca e cravatta, se la posizione è quella di un importante istituto finanziario o di un ufficio dirigenziale. Volete dare l'impressione di potervi inserire anche se non sarete voi stessi un attore di alto livello.

Elementi dell'abbigliamento business

Le aspettative fondamentali dell'abbigliamento business sono che si indossi un abito business (non casual), una camicia bianca o a base bianca e una cravatta, con accenti conservatori. Più specificamente, si tratta di una combinazione dei seguenti elementi obbligatori:

  • Il vestito: Colore scuro, struttura liscia, senza motivi o con un gessato bianco molto sottile. Per evitare di apparire troppo appariscenti, limitarsi a giacche monopetto. La lana pettinata è la migliore, ma qualsiasi materiale liscio e opaco va bene. Vestibilità sartoriale, se possibile.
  • La camicia: Bianco semplice o bianco con motivi leggeri, colletto a punta o aperto (non abbottonato), colletto e parte anteriore della camicia stirati, senza grinze, con punte del colletto ben definite (i fermacollo sono utili). Vestibilità sartoriale, se possibile.
  • Le scarpe: Le calze devono essere abbinate al colore dei pantaloni: calze blu navy con un abito blu navy, ecc.
  • La cravatta: Evitare materiali lucidi e riflettenti, colori sgargianti e motivi troppo impegnativi. Nodo centrato e simmetrico con una piccola fossetta appena sotto. La cravatta deve essere abbastanza lunga da toccare la vita della cintura o dei pantaloni senza che la camicia nuda sia visibile nel mezzo.
  • Gli accenti: Cintura di pelle nera con una piccola fibbia di metallo (o bretelle di colore scuro, se i pantaloni non hanno passanti per la cintura). Fazzoletto da taschino bianco o di colore chiaro nel taschino della giacca. Orologio con cinturino di metallo o di pelle nera; il metallo deve essere in tinta con la fibbia della cintura, se presente.

Se si confrontano le due cose, si nota che l'abito business basic si differenzia dall'abito business rigoroso soprattutto perché consente un tocco di colore in più nella camicia, nella cravatta e nel fazzoletto da taschino. Ma attenzione a non esagerare: un accenno di colore pastello nella camicia e nel fazzoletto da taschino è più che sufficiente per affermare la propria individualità senza sembrare troppo casual.

Vale la pena di notare che è improbabile che sembriate eccessivamente vestiti se vi presentate a un colloquio di lavoro con la rigorosa interpretazione dell'abito da lavoro. Potreste non distinguervi tanto quanto se indossate una camicia elegante e ben scelta, ma non verrete penalizzati se vi limitate a un semplice bianco.

Il colloquio business casual

A meno che non si tratti di un settore particolarmente formale, come la legge o la finanza, la maggior parte delle posizioni entry-level non richiede altro che una camicia e forse una cravatta al giorno, il che significa che non è necessario nemmeno un completo per il colloquio.

Quando fare un colloquio in business casual

Il business casual è indicato per tutti i colloqui in cui un abito completo sembra troppo aggressivo, di alto livello o ambizioso. Pensate di presentarvi con un blazer e dei buoni pantaloni piuttosto che con un abito abbinato. Pensate di indossare il business casual per i colloqui di lavoro che richiedono un abbigliamento professionale ma che raramente prevedono giacca e cravatta:

  • Molti lavori di cubicolo/ufficio di piccole imprese di livello iniziale o medio
  • Lavori d'ufficio e di servizio civile
  • Posizioni di vendita al dettaglio di alto livello
  • La maggior parte delle cariche politiche e delle campagne elettorali
  • Lavori di ingegneria, laboratorio, software e altri settori tecnologici
  • Servizio di ristorazione, in particolare front-end (camerieri, baristi, ecc.)

È uno standard sicuro e predefinito per qualsiasi colloquio di lavoro in cui un abito sarebbe eccessivo.

Elementi di Business Casual

Il business casual può coprire una gamma più ampia di opzioni rispetto alle categorie dell'abito da lavoro. Scegliete sempre il lato conservativo, il che significa indossare sia la giacca che la cravatta: non perderete punti per averli, mentre in un colloquio esigente potreste perdere punti per averli lasciati a casa.

Compresi giacca e cravatta, gli elementi fondamentali per un buon abbigliamento da colloquio business casual sono:

  • La giacca: Un cappotto o un blazer sportivo scuro, senza o con motivi leggeri, preferibilmente di lana. Una certa consistenza va bene (trama a spina di pesce, ecc.), ma evitate elementi aggressivamente casual come le toppe sui gomiti. Un blazer blu navy è sempre una scelta sicura.
  • I pantaloni: I pantaloni di lana sono i migliori, ma anche il cotone è accettabile. Le pieghe sono ben stirate. Il grigio, il marrone o il blu navy vanno bene per la maggior parte delle situazioni, ma evitate i kaki, che sono un po' meno formali.
  • La camicia: Il colletto è accettabile, ma anche i colletti abbottonati sono accettabili a questo punto. Anche il colore è appropriato, ma mantenetelo leggero: bianco, motivi leggeri sul bianco o colori pastello; niente tonalità profonde o colori vivaci. Assicuratevi che il davanti sia stirato e che le punte del colletto siano ben definite.
  • Le scarpe: Scarpe eleganti in pelle nera o marrone scuro. Non sono ammesse fibbie metalliche, brogue elaborate o texture esotiche (pelle di struzzo, ecc.), ma vanno bene elementi decorativi minori. I calzini devono essere in tinta con il colore dei pantaloni; ad esempio, calzini grigio chiaro con pantaloni grigio chiaro.
  • La cravatta: Qualsiasi colore o motivo che non sia troppo appariscente è adatto, ma assicuratevi che si abbini alla camicia, alla giacca e ai pantaloni. Evitate tutto ciò che è molto vivace, con motivi molto movimentati o con un'unica grafica stampata piuttosto che un motivo (niente cravatte di Topolino). La cravatta deve toccare la parte superiore della cintura senza che la camicia sia visibile nel mezzo.
  • Gli accenti: Cintura in pelle dello stesso colore delle scarpe. Orologio da polso con cinturino in metallo o in pelle; il metallo deve essere in tinta con la fibbia della cintura, mentre la pelle deve essere in tinta con la cintura e le scarpe. Fazzoletto da taschino colorato e/o a fantasia nel taschino della giacca, in qualsiasi piega ordinata (a sbuffo, a punta, orizzontale, ecc.).

L'abbigliamento quotidiano in un ambiente dress casual vi permetterà di sostituire la giacca con un gilet o un maglione, ma per i colloqui di lavoro attenetevi alla formula di base di un blazer conservativo con pantaloni eleganti in tinta unita.

L'intervista casuale

Il termine "casual" viene spesso frainteso come "abbigliamento da strada", ma non è la stessa cosa: un outfit casual è un outfit che prescinde dagli accenti business, non un outfit in cui tutto è permesso. La giacca e la cravatta non fanno più parte dell'equazione, ma l'outfit deve comunque avere un aspetto professionale e ben assemblato.

Quando è opportuno fare un colloquio in abiti casual

È raro andare a un colloquio senza giacca. Quando lo si fa, di solito è per un lavoro in cui non c'è un codice di abbigliamento, o ce n'è solo uno molto ampio, e di solito è un lavoro in cui anche il processo di colloquio stesso è abbastanza rilassato. Di solito si può indossare un abbigliamento casual ai colloqui per i lavori nel settore dei servizi in cui l'assunzione avviene tramite una breve domanda piuttosto che un curriculum completo:

  • Tipici negozi al dettaglio, soprattutto catene
  • Ristorazione informale, ristorazione collettiva, ecc.
  • Lavori manuali (ammesso che non si tratti di un colloquio di lavoro pratico)
  • Lavori part-time "in nero" (dogsitter, baby sitter, ecc.)
  • Servizio clienti
  • Ambienti di avviamento molto informali

Non dovreste vestirvi in modo casual per un colloquio, a meno che non siate molto sicuri che il posto di lavoro sia un contesto di jeans e maglietta o di polo aziendale. Al punto in cui ci si aspetta che indossiate ogni giorno cachi e camicia con colletto, dovreste andare avanti e fare il colloquio in business casual piuttosto che in casual.

Elementi di abbigliamento casual

Per la vita di tutti i giorni il "casual" è una categoria molto vasta, mentre per i colloqui è più limitato: volete qualcosa che elimini gli elementi formali del business, come il blazer o la giacca da abito, ma che abbia comunque un aspetto rispettabile:

  • La camicia: Con il colletto - una camicia elegante o una polo ordinata. Può essere colorata, ma le fantasie devono essere ragionevolmente contenute, non più di una striscia bicolore. La camicia deve essere rimboccata per il colloquio.
  • I pantaloni: Pantaloni, non blue jeans - i kaki vanno bene in questo caso. Non devono essere necessariamente dei bei pantaloni di lana (anche se possono esserlo), ma devono essere puliti, ben stirati e ben aderenti.
  • Le scarpe: Pelle piuttosto che stoffa o tela. I modelli casual come blucher, brogue, scarpe da sella, ecc. vanno bene, purché siano in buono stato e lucidati di recente. Possono andare bene anche gli stivali eleganti, i mocassini o le chukka. I calzini dovrebbero essere in tinta con i pantaloni (calzini chiari con i kaki, ecc.), ma in caso di necessità si possono usare calzini in tinta con la pelle della scarpa.
  • La cravatta: Una giacca è sicuramente troppo elegante, ma una cravatta e una camicia con colletto senza giacca indicano che siete un uomo comune che sta facendo un gesto gentile per riconoscere l'importanza dell'ambiente. Di certo non vi farà male e potrebbe essere un utile vantaggio rispetto alla concorrenza.
  • Gli accenti: Una cintura in pelle che si abbini alle scarpe e un orologio con cinturino in metallo o in pelle. Le pelli e i metalli devono essere abbinati a tutto l'abbigliamento.

L'atteggiamento che cercate di trasmettere è quello di una persona non formale, ma che sa che i colloqui sono ambienti importanti in cui dovete apparire al meglio. Tenete tutto in ordine, infilato e ben aderente. Sembrerete un po' troppo vestiti per il lavoro, soprattutto per qualsiasi tipo di lavoro manuale, ma questo è il punto.

Il colloquio pratico o di competenze

È sempre più comune testare attivamente le competenze durante il processo di colloquio, soprattutto per le posizioni di lavoro qualificato come la carpenteria o l'edilizia. Il colloquio "vediamo cosa sai fare" è un po' diverso dal modello in cui ci si siede e si parla del proprio curriculum e dei propri obiettivi di carriera (anche se può esserci un po' di questo, a seconda dell'azienda).

Vestirsi per questi colloqui significa impressionare l'intervistatore con la propria preparazione tanto quanto lo stile. Quando dovete scegliere tra formalità e funzionalità, optate per la funzionalità.

Quando vestirsi per il lavoro manuale

In genere si viene avvisati se il colloquio prevede una prova pratica oltre a domande e risposte. In alcuni casi non è necessario cambiare l'abbigliamento: se si tratta di un lavoro di programmazione informatica, ad esempio, un blazer o una giacca da abito non ostacoleranno la parte pratica, ma in molti settori ci si può aspettare una prova pratica per la quale è necessario vestirsi in modo specifico:

  • Costruzione
  • Manodopera specializzata (idraulica, falegnameria, ecc.)
  • Alcune posizioni di giardinaggio/paesaggio
  • Lavoro in fattoria o in ranch
  • Lavori in fabbrica (macchinista, ecc.)

Tenete presente che non tutti i datori di lavoro di questi settori effettuano test pratici e colloqui nello stesso appuntamento. Di solito è meglio vestirsi secondo i normali standard dei colloqui di lavoro, a meno che non vi sia stato detto specificamente "daremo un'occhiata al pavimento della fabbrica" o "vi daremo la possibilità di usare le attrezzature" o qualcosa di simile.

Elementi di abbigliamento per un colloquio pratico

Le priorità sono un po' diverse quando si sa di dover lavorare con le mani: la mobilità e la sicurezza sono più importanti dello stile, ma si vuole comunque avere un bell'aspetto.

I vostri capi d'abbigliamento chiave sono capi robusti e pratici che possono essere abbelliti con l'aggiunta di una giacca:

  • La giacca: Potete toglierla all'occorrenza, ma indossate un blazer o una giacca sportiva per la prima impressione. L'unico caso in cui dovete lasciarla a casa è se state per solo Se si tratta di una prova di abilità, senza che sia previsto un colloquio. A quel punto è un orpello inutile e non farete colpo su nessuno portandola con voi. Ma se c'è una parte che si svolge su sedie in un ufficio da qualche parte, portate con voi una giacca.
  • I pantaloni: Evitate i jeans blu chiaro e indossate invece pantaloni da lavoro color kaki, navy o marroni: anche se si tratta di Dickies o Carhartts, il colore li farà sembrare più "professionali". Se vi è stato detto di indossare specificamente dei jeans, indossate un colore indaco scuro anziché blu chiaro.
  • La camicia: Un colletto è meglio di un colletto senza, a meno che non ci sia un motivo di sicurezza per evitarlo (il che è raro - i colletti abbottonati sono di solito considerati sicuri per la macchina). Una camicia da lavoro blu chiaro in chambray o oxford è classica e senza tempo.
  • Le scarpe: Scarpe da lavoro se è il caso, scarpe o stivali di pelle casual se non lo è. In ogni caso, assicuratevi che siano pulite e prive di graffi o strappi importanti.
  • Gli accenti: Un orologio robusto (niente di ingombrante e di plastica, però) va bene, purché non costituisca un rischio per la sicurezza, e una cintura di pelle semplice (sempre a meno che non costituisca un rischio per la sicurezza). A parte questo, lasciate a casa i fazzoletti da taschino e le cravatte.

In caso di dubbio, scegliete la praticità: state facendo domanda per un lavoro pratico e il datore di lavoro sarà impressionato dalla disponibilità a svolgere il lavoro più che da un abbigliamento elegante ma inadeguato.

Tocchi finali: il grooming per qualsiasi tipo di colloquio

Ci sono alcune cose da fare per qualsiasi colloquio, di qualsiasi tipo.

Si tratta di piccoli ma importanti tocchi di presentazione, che si riducono a una cura di base e che possono essere realizzati facilmente in un'ora o due di lavoro.

Per quanto possano sembrare insignificanti, questi dettagli sono importanti: fanno la differenza tra un aspetto adeguato e un aspetto curato. La maggior parte delle persone non li nota a livello conscio, è solo l'effetto combinato di tutti i piccoli accorgimenti che crea un'impressione generale di pulizia.

Concedetevi un vantaggio gratuito curando i dettagli della toelettatura:

  • Capelli: Tagliate i capelli entro una settimana dal colloquio. Non deve essere un taglio completo, se avete già la lunghezza desiderata, ma uniformate la frangia, i lati e la nuca. Lavate i capelli, mettete un po' di prodotto se ne usate, e date loro tutto il tempo di asciugarsi prima del colloquio, in modo da non presentarvi con i capelli ancora lucidi.
  • Unghie: Tagliateli e con una spazzola morbida o un panno da bucato lucidate le punte, pulendo eventuali residui di sporcizia da sotto di esse. Se necessario, scavate la sporcizia radicata con uno stuzzicadenti smussato, il bordo arrotondato di una graffetta o qualsiasi altro oggetto da scrivania piccolo e non affilato. Resistete alla tentazione di usare il coltellino, anche se vi fa sentire fighi.
  • Pelle: Fare la doccia prima del tempo, fare uno scrub al viso e mettere il deodorante, ma non è il caso di fare la doccia. non I profumi artificiali sono un accento sociale, non lavorativo, e non dovrebbero essere percepiti durante un colloquio. Se utilizzate un deodorante dal profumo intenso, andateci piano e lasciate che le vostre ascelle si arieggino un minuto o due prima di indossare la camicia del colloquio.
  • Biancheria intima: Non ha alcuna attinenza con la formalità, quindi potete indossare gli stessi indumenti per qualsiasi livello di colloquio, ma indossate un paio di pantaloncini comodi per non contorcervi sulla sedia e una maglietta intima a collo basso per far fronte al sudore. Vi esporrete più di quanto non siate abituati a fare, a meno che non siate davvero molto stanchi: i colloqui sono situazioni ad alta pressione.

Nessun singolo passo di grooming da solo può fare la differenza tra un colloquio riuscito e uno fallito, ma prendersi il tempo di fare bene ciascuno di essi vi farà apparire più nitidi, puliti e brillanti, e vi aiuterà a sentirvi più a posto e padroni di voi stessi, il che non è un vantaggio da poco.

Conclusione: 3 passi per un'intervista di successo

Per riassumere, ci sono tre fasi fondamentali per un abbigliamento perfetto per un colloquio:

  1. Informarsi prima di partire. Imparate a conoscere l'abbigliamento e la cultura dell'azienda e ad avere un'idea di ciò che indosserete ogni giorno sul posto di lavoro.
  2. Seguire la regola "un passo più in alto". Vestitevi per il lavoro che volete, più un livello di formalità.
  3. Cura dei dettagli della toelettatura. Scegliete l'abito giusto per il livello di formalità desiderato, pulitelo e stiratelo, tagliate i capelli, pulite le unghie e fate tutti gli altri piccoli dettagli necessari per passare da "presentabile" a "perfetto".

A quel punto avete finito e siete pronti a raccogliere i frutti di una corretta presentazione al colloquio: una migliore prima impressione, presupposti favorevoli da parte dell'intervistatore, fiducia in voi stessi e una buona dimostrazione di competenza personale di base.

Buona fortuna!

_____________________________

Scritto da Antonio Centeno

Fondatore di Real Men Real Style

Cliccate qui per ottenere i miei ebook gratuiti sullo stile maschile

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.