Cosa fare quando si incontra un alce in natura

 Cosa fare quando si incontra un alce in natura

James Roberts

È facile che le preoccupazioni per l'incontro con i grandi animali in natura si concentrino su creature come orsi, leoni di montagna e lupi. Ma un brutto incontro con un alce può avere conseguenze terribili, ed è in realtà più probabile di un attacco da parte di qualsiasi altri animali - nelle Americhe, le ferite provocate dagli alci superano quelle di ogni altro animale selvatico, battendo gli attacchi di orsi e lupi combinato (Detto questo, gli attacchi di animali in generale sono estremamente rari: per questo fanno notizia, ma non accadono molto spesso).

Può darsi che gli attacchi di alci siano sproporzionatamente alti perché le persone non hanno paura di avvicinarsi a loro, come invece fanno con un grizzly. Pensano che le alci siano relativamente "mansuete", come i cervi. Ma questa è una supposizione sbagliata.

Alta due metri e mezzo, con un peso di quasi 1.200 chili, capace di correre a oltre 30 miglia all'ora e di scalciare in tutte le direzioni (anche di lato!), un'alce adulta non ha nulla da invidiare a nessuno. A differenza di cervi e alci, le alci sono anche meno propense a stare alla larga dagli esseri umani. Non aspettatevi di spaventare un'alce nello stesso modo in cui potreste spaventare un cervo sul sentiero.

Sebbene questi erbivori non siano tipicamente aggressivi, ci sono alcuni fattori stagionali che possono renderli più sensibili alle provocazioni. In tarda primavera e all'inizio dell'estate, le mucche (alci femmine adulte) sono più aggressive nei confronti dei loro vitelli appena nati. In autunno, i maschi da riproduzione sono più inclini a essere nervosi quando competono con gli altri tori. E in inverno, quando gli alci sono più facilmente stanchi a causa dellaSe si tratta di alci che attraversano la neve alta senza cibo, è più probabile che siano un po' scontrosi. Tutto questo per dire che le alci sono in grado di essere aggressive praticamente in qualsiasi periodo dell'anno e il loro comportamento può essere imprevedibile.

La cosa migliore è sapere come evitare di scatenare un attacco. Quando vi imbattete in un alce, fate tutto il possibile per non intralciarlo. Se qualcosa che state facendo gli fa cambiare comportamento, rivedete quello che state facendo: se inizia a camminare verso di voi, non sta cercando di essere amichevole, ma probabilmente vi sta mettendo in guardia. E se fate escursioni con i cani, assicuratevi di tenerli al guinzaglio e il più silenziosi possibile.possibile. Gli alci possono confonderli per un predatore, come un lupo, e decidere di attaccare.

Guarda anche: Podcast #817: Lezioni di vita dal più grande negoziatore del mondo

1: Se vedete un alce, lasciategli molto spazio, almeno 15 metri. Se necessario, create più spazio allontanandovi con calma.

2: Fate attenzione ai vitelli vicini. Non mettetevi mai tra una mucca e il suo vitello.

3: Cercate segni di aggressività: pelo sollevato sul collo/dorso, orecchie appuntite all'indietro e/o leccamento costante delle labbra.

4: Scappate il più velocemente possibile se l'alce vi attacca: in genere si ritirerà una volta che vi avrà allontanato abbastanza.

Guarda anche: Uomini e porno: un'introduzione

5: Cercate una protezione supplementare nascondendovi dietro un grande albero, una roccia o un edificio.

6: Se attaccati e abbattuti, rannicchiatevi in una palla per proteggere la testa e gli organi vitali. Continuate a ritirarvi, per quanto possibile.

Se vi piace questa guida illustrata, allora vi piacerà il nostro libro L'arte illustrata della virilità Raccoglietene una copia su Amazon.

Illustrato da Ted Slampyak

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.