Fumare la pipa per i principianti: come confezionare, accendere e utilizzare una pipa di tabacco

 Fumare la pipa per i principianti: come confezionare, accendere e utilizzare una pipa di tabacco

James Roberts

Per molte società nel corso della storia, il fumo della pipa era (ed è) un rituale sacro. Gli uomini accendevano il loro tabacco per varie cerimonie, tra cui matrimoni, funerali e la firma di trattati (da cui il termine "pipa della pace"). Era una parte importante delle loro tradizioni e del loro patrimonio culturale. In tempi più moderni, i gentiluomini fumavano la pipa come modo per rilassarsi e distendersi, o come stimolo raffinato.Mentre la gioventù ribelle iniziava a fumare sigarette e i giocatori d'azzardo di Las Vegas e le celebrità di Hollywood facevano del sigaro il loro marchio di fabbrica, la pipa diventava il metodo di distribuzione del tabacco preferito dagli studiosi gentiluomini. Ancora oggi, quando immaginiamo i professori nella nostra mente, li vediamo spesso con le loro giacche di tweed con i gomiti, che fumano la pipa nel loro studio.ufficio foderato di libri.

Molti dei più famosi scrittori e intellettuali della storia erano appassionati di fumo di pipa, tra cui Sir Arthur Conan Doyle (e la sua creazione narrativa, Sherlock Holmes), J.R.R. Tolkien, C.S. Lewis (che spesso fumava con Tolkien mentre i due amici erano impegnati in profonde conversazioni di ore), Bertrand Russell, Albert Einstein, il generale Douglas MacArthur, Papa Hemingway e molti altri.

Il favore della pipa per i contemplativi può forse essere ricondotto al fatto che per fumare bene occorre un po' di attenzione riflessiva e che una singola tazza di tabacco aromatico può durare fino a un'intera ora di meditazione.

Si tratta di un'arte un tempo comune, ma oggi rara. Per il principiante moderno, quindi, iniziare a fumare la pipa può sembrare un po' intimidatorio. Di seguito, quindi, vi illustro una guida di facile comprensione su tutto ciò che è necessario sapere per iniziare questa antica pratica.

Forniture

Rullo di tubi. Anche se non è strettamente necessario, avere un rotolo per la pipa o semplicemente un modo per organizzare le vostre forniture è molto utile. Quello che vedete qui sopra è semplicemente un rotolo di tela cerata con circa sei tasche. Prima di averlo, le mie forniture erano dappertutto ed era una sofferenza ricordarsi dove fosse tutto. In più, è semplicemente bello. Una vecchia scatola per sigari è un'altra buona opzione (ma non mischiateil tabacco da pipa e i sigari: gli odori e i sapori si mescolano, e non in modo positivo).

Tubo Per una pipa di tabacco si possono spendere da 5 a 500 dollari. Il materiale più comune per le pipe è la radica, per la sua resistenza al calore, la durata e l'aspetto robusto. C'è anche il meerschaum, un minerale simile all'argilla. Le pipe di meerschaum spesso si trasformano in incredibili opere d'arte grazie alla morbidezza del materiale e alla possibilità di intagliarlo. A causa della sua relativa rarità, le pipe di meerschaum sonopiù costose; inoltre non sono così resistenti come la radica, quindi richiedono un po' più di cura e manutenzione. Infine, c'è la varietà in pannocchia di mais, che si può anche fare da soli. Spesso sono l'opzione più economica e, anche se fumano benissimo, non dureranno tanti anni quanto una pipa in radica o in meerschaum. Per chi si avvicina per la prima volta, consiglierei la radica o la pannocchia di mais, per via del loroIl Meerschaum è come la Lincoln delle pipe; è qualcosa a cui aspirare piuttosto che iniziare.

Un'altra questione da considerare è la forma del fusto, che si può trovare sia dritto che curvo. L'argomento a favore del fusto dritto è che alcune persone preferiscono il suo aspetto, e la ciotola si trova più in alto, il che tiene il fumo lontano dal viso un po' meglio. Un fusto curvo, d'altra parte, è molto più facile per la bocca; si siederà semplicemente lì piacevolmente, invece di dover lavorare per mantenere la pipa in posizione.

La mia prima pipa costava circa 35 dollari in un negozio di sigari locale e andava benissimo. Quella che uso ora, e che consiglio agli amici che me lo chiedono, è in realtà una pipa a pannocchia di mais con gambo curvo di Missouri Meerschaum. L'ho ricevuta in regalo l'anno scorso ed è l'unica pipa che uso ora. Il prezzo è basso, ma il fumo è ottimo.

Zippo produce un accendino specifico per il fumo di pipa. Si noti il grande foro nel camino.

Più leggero Preferisco usare uno Zippo per tutte le mie esigenze di tabacco, anche se gli esperti diranno che non è necessariamente la fiamma ottimale. L'azienda produce un accendino speciale solo per il fumo di pipa, dotato di un foro nel camino, che consente di tenerlo di lato e di aspirare la fiamma. È incredibilmente utile; altrimenti si tiene un accendino o un fiammifero quasi al contrario e si rischia di bruciarete stesso.

Guarda anche: Portare il fuoco

Anche i fiammiferi di legno lunghi funzionano, e molti fumatori li adorano. A causa dell'alta temperatura dell'accendino, si rischia di bruciare il tabacco; questo rischio non si corre con i fiammiferi. Inoltre, sono più economici; le Zippos e il loro liquido (che richiedono un rifornimento apparentemente costante) sono più costosi.

Pulitori per tubi. Chi avrebbe mai detto che questi gingilli hanno uno scopo più importante del semplice materiale da costruzione? Gli appassionati di pipe, ecco chi sono. Si chiamano tubo Compratene un po', costano pochissimo e mantengono la pipa pulita tra una fumata e l'altra.

Manomissione/chiodatura. Molti kit per pipa vengono forniti con uno speciale attrezzo per rincalzare. Assomiglia molto a un chiodo, quindi io uso semplicemente un chiodo con la testa grossa; un chiodo da carpenteria va benissimo. È necessario per rincalzare il tabacco nella ciotola della pipa. Tengo anche un chiodo piccolo e sottile a portata di mano per ragioni che spiegherò più avanti.

Tabacco Il tabacco da pipa non è così facile da reperire come i sigari, che spesso si trovano anche nei negozi di alimentari e liquori. Probabilmente dovrete trovare un negozio di sigari/tabacco dedicato. Spesso, però, è un'impresa divertente e avrete la possibilità di testare una grande varietà di tabacchi. Non ci sono segreti in questo caso, dovrete semplicemente scegliere quello che vi sembra più buono. Ci sono varietà più fruttate, più scure e più chiare, piùUn paio di once dovrebbero bastarvi per un po' se siete fumatori occasionali.

Imballaggio del tubo

Questa è senza dubbio la parte più difficile per i fumatori di pipa alle prime armi (e anche per alcuni non proprio alle prime armi). La buona notizia è che una volta imparato, è un gioco da ragazzi. Io stesso ho faticato per un bel po', ma dopo aver fatto un po' di pratica, ho davvero imparato. Ci sono un paio di metodi che troverete usati dalla maggior parte dei fumatori, e io ho avuto successo con entrambi, quindi di seguito sono riportate le istruzioni per ciascuno.

Il metodo a tre strati

Il primo passo è quello di effettuare un "riempimento per gravità"; in questo caso si prende un pizzico di tabacco e lo si lascia semplicemente cadere nella ciotola della pipa senza rincalzare o spingere. Un altro modo per farlo è quello di prelevare il tabacco direttamente dalla busta o dal barattolo con la pipa stessa.

Riempire in questo modo fino in cima e allora rincalzare in modo che la ciotola sia piena per circa metà. Questo è il primo strato. Farete di nuovo la stessa cosa, riempiendo la ciotola fino alla cima e poi rincalzandola, questa volta fino a 2/3 o 3/4. Questo è il secondo strato. Infine, lo farete ancora una volta. Mettete un po' di tabacco in più e rincalzatelo fino a poco sotto il bordo della ciotola. Con ogni strato dovrebbe sembrare che la pressione aumenti.Il primo strato non avrà bisogno di molta pressione, mentre per il terzo dovrete davvero spingere sul tabacco.

Se è come una cannuccia vuota, il tabacco è troppo sciolto (rincalzatelo e aggiungete altro tabacco); se è come succhiare un frullato con la cannuccia, il tabacco è troppo denso (usate un chiodo sottile per fare un buco al centro del tabacco; di solito lo faccio comunque, anche se il tabacco è confezionato correttamente, solo per avere un'immagine migliore).Questo è il metodo che preferisco e con cui ho avuto più successo.

Il metodo del pizzico o "Frank

Prendete un grosso pizzico di tabacco, tanto da far sembrare che non ci stia.

Con questo metodo, si inizia riempiendo la ciotola di tabacco per gravità, senza pressare o rincalzare. Successivamente, si prende un grosso pizzico di tabacco; in realtà, se ne vuole più di quello che sembra possa entrare nella pipa. Si posiziona il grosso pizzico sulla ciotola, usando il pollice della mano opposta per tenerlo in posizione.

Guarda anche: 30 giorni per un uomo migliore - Conclusione

A questo punto, usando entrambi i pollici, premete delicatamente il tabacco nella ciotola. Procedete in questo modo fino a quando tutto il tabacco è nella pipa, abbastanza stretto in modo che quando la capovolgete non cada il tabacco. Come con il metodo dei tre strati, testate l'estrazione. È probabile che dobbiate usare il piccolo chiodo per fare un buco al centro per far entrare un po' d'aria.

Illuminazione del tubo

Il primo passo per accendere la pipa è l'accendino per carbonizzare. Tenendo la fiamma sopra la ciotola, fate una mezza dozzina di boccate brevi, muovendo l'accendino in cerchio intorno alla ciotola, per carbonizzare la parte superiore del tabacco. Dopodiché, rincalzate ancora una volta per creare una bella copertura.

Dopo la luce di carbonizzazione.

Una volta accesa, tenere ancora una volta la fiamma sopra la ciotola e questa volta fare una mezza dozzina di tiri profondi per far scendere la fiamma nel tabacco. Una volta accesa, continuare a fare alcuni tiri profondi per assicurarsi di ottenere un bel fuoco che durerà a lungo.

Soprattutto per i principianti, è probabile che dobbiate riaccendere la pipa più volte per finire la ciotola di tabacco. Man mano che migliorerete nel confezionamento e nell'accensione, non dovrete più farlo. Ci vuole solo un po' di pratica; io riesco a far durare una ciotola circa 45 minuti, dovendo riaccendere solo una volta.

Pulizia del tubo

La pipa dovrebbe essere pulita dopo ogni fumata. Dopo averla lasciata raffreddare per circa un'ora, rimuovete il fusto e passate uno scovolino un paio di volte. Va notato che non si dovrebbe mai rimuovere il fusto da una pipa calda, in quanto può facilmente deformarsi nel tempo. La maggior parte dei fumatori di pipa, me compreso, sceglie di non pulire affatto la ciotola, oltre a togliere la cenere o il tabacco non fumato. NonPulire la ciotola permette di formare una bella torta, che conferisce ancora più sapore (come in una padella di ghisa).

Risoluzione dei problemi del tubo

Se la pipa diventa troppo calda per essere tenuta in mano, significa che la state fumando troppo calda. Lasciate che si spenga, provate a riaccendere e fate meno boccate la prossima volta. La maggior parte dei fumatori sbuffa ogni 10-30 secondi circa; non è una cosa costante. Lo stesso vale se sentite un bruciore in bocca, chiamato "morso della lingua". Fidatevi di me, ve ne accorgerete se/quando succede; lasciate che si spenga e riaccendete la pipa. Se si spegne mentre state cercando diSe si fuma, non si è illuminato abbastanza bene, oppure non è imballato in modo ottimale. Imparerete a scegliere man mano; ancora una volta, ci vuole solo un po' di pratica.

Unirsi ad alcuni dei più brillanti studiosi gentiluomini degli ultimi due secoli e godersi qualche boccata di tanto in tanto mentre si è seduti sulla propria poltrona leggendo il proprio libro preferito!

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.