I drink li offro io! Come pagare un giro al bar

 I drink li offro io! Come pagare un giro al bar

James Roberts

Nota dell'editore: questo è un post di Michael Hagan.

Siete con un gruppo di amici in un bar. Tutti si stanno divertendo: si scambiano storie, si aggiornano, ridono, si godono la compagnia degli altri. Sono arrivati tutti uno alla volta, ma ora il gruppo è tutto qui ed è il momento di offrire un giro per il gruppo.

Oppure siete soli, seduti al bar di un ristorante, a bere qualcosa, a chiacchierare con il barista o a fare l'occhiolino alla signora all'altro capo. Vedete un tavolo con un gruppo di ragazzi con cui fate affari. Ordinano tutti bevande e antipasti, scrutano il menu per i loro antipasti. È ora di offrire un giro?

L'onore, l'ospitalità e il galateo dell'acquisto di una partita di calcio

La tradizione di offrire ai propri amici e collaboratori un giro di drink è nata dal codice di ospitalità del XIX secolo e dalla cultura dell'onore di cui Brett ha scritto di recente. Il codice di ospitalità prevedeva che il padrone di casa offrisse sempre il primo giro di drink all'ospite, il quale a sua volta era obbligato ad offrire un giro al padrone di casa.

Può sembrare strano - una di quelle parti apparentemente inutili delle buone maniere. Dopo tutto, se l'ospite fosse obbligato a comprare anche un giro, l'ospite starebbe davvero dimostrando ospitalità?

Il gesto di comprare un giro non era inteso come un regalo, ma piuttosto come un gesto simbolico; prendendo l'iniziativa, un uomo dimostrava di essere il padrone di casa. Ma scambiando i giri avanti e indietro, gli uomini si alternavano nel ruolo di padrone di casa e di ospite, dimostrando così la loro uguaglianza. Così la tradizione di comprare i giri era in realtà progettata per costruire il cameratismo tra gli uomini - per dimostrare che eranofratelli nello stesso gruppo d'onore.

Acquistare un giro quando si è in compagnia di un gruppo di amici

Naturalmente, al giorno d'oggi, chi è il "padrone di casa" e chi è l'"ospite" non è sempre ben definito, e a volte si vuole offrire da bere a tutti senza alcun vincolo. Quando facevo il barista, c'era una clientela che litigava per gli assegni e per sapere a chi toccava pagare. Tutti pretendevano che toccasse a loro. Alcuni si arrabbiavano anche quando si sceglieva l'altra persona per pagare al posto loro. Naturalmente, ilL'idea era di divertirsi con loro e di alzare la posta in gioco (leggi: le mance) finché qualcuno non avesse ceduto.

Guarda anche: Come fare la spesa

Alla fine è diventato un problema, così abbiamo iniziato la regola della "prima carta": la prima carta di credito che vedo per il conto è quella che viene usata, senza discussioni. Se quando arrivava il momento di pagare non era ancora stato deciso nulla, chi era più veloce nell'estrazione doveva pagare. Questo ha ridotto le discussioni e i sentimenti feriti, ma con mio grande dispiacere, anche il gioco delle mance è stato ridotto!

Per evitare questo duello su chi pagherà, soprattutto in una serata in cui volete pagare il conto per tutti i vostri amici, vi consiglio, se dovete incontrare degli amici al bar, di arrivare con qualche minuto di anticipo, dare al barista il vostro biglietto da visita e dire: "Stasera offro tutto io".necessità di argomentazioni.

Risparmiate una serata "offro tutto io" per le occasioni in cui festeggiate qualcosa di speciale con i vostri amici. Altrimenti, può sembrare una gara di prestigio o un modo per ostentare la vostra ricchezza, il che va contro il senso di cameratismo che dovrebbe essere alla base dell'offerta di bevande.

Ma non c'è mai un momento sbagliato per prendere l'iniziativa di offrire un giro ai vostri amici - un vero uomo detta il ritmo. Non fatelo con l'aspettativa che i vostri amici si uniscano a voi - anche se si spera che lo facciano. Parte dell'ospitalità insita nel classico ruolo di padrone di casa che prende l'iniziativa è che si assume il rischio che i suoi ospiti non seguano le norme del galateo e ricambino il gesto.Se nessun altro si accorge di questo concetto di acquisto circolare, almeno avete regalato un giro ai vostri amici barboni e sapete che non lo farete mai più!

Se il turno di acquisto è già iniziato quando arrivate, chiedete se qualcuno ha bisogno di un drink e fatevi inserire nella rotazione. Prendete il vostro turno come un uomo. Offrite a chiunque nel vostro gruppo quello che vuole, nei limiti del ragionevole (non è giusto bere whisky da rotaia per tutta la sera fino a quando non pagherete, per poi passare a Pappy Van Winkle 23 anni! Se qualcuno vuole evitare di prendere un drink in questo giro, lasciatelo fare. Non èNon è tuo compito farli bere, ma solo offrire. Se vogliono bere nel pozzo, va bene. Quando offri un giro, devi aspettarti di pagare per far bere tutti. Né più né meno.

Festeggiamenti o acquisto di un giro per tutto il bar

Ci saranno momenti nella vita in cui vorrete festeggiare un evento importante con un gruppo di amici e conoscenti che conoscete da sempre: una promozione importante, un sì, un figlio, un giro per tutto il bar, dovrebbe essere una cosa che capita una volta nella vita, ma tutti dovrebbero farlo.

Il modo migliore è dire al barista che lo state facendo, perché lo state facendo e se volete che le persone che lo ricevono sappiano o meno chi l'ha comprato. Vi consiglio di portare un fegato in più se dite a tutti che state comprando, perché la maggior parte ve ne restituirà uno, soprattutto se state festeggiando qualcosa che vi ha cambiato la vita. Probabilmente dovreste farlo solo nel bar del vostro quartiere, non in un bar di provincia.Un locale o un ristorante affollato, dove si conoscono la maggior parte delle persone o le si è almeno viste. Comprare un drink per 30 persone è costoso, ma comprarlo per 200 è una follia.

Guarda anche: Settimana del testosterone: come ho raddoppiato i miei livelli di testosterone in modo naturale e come potete farlo anche voi

Quando si acquista per lavoro

Vedete un gruppo di persone con cui fate affari a un tavolo e a cui volete offrire da bere. I motivi non sono importanti - ce ne sono molti. Qual è il modo migliore per farlo?

Se siete al bar, chiedete al barista di scoprire chi è il loro cameriere e fatelo venire a parlare con voi. Dite al cameriere che volete offrire al tavolo il prossimo giro o, se è l'ultimo giro, di farlo mettere sul vostro conto. Questa è ovviamente una situazione in cui volete che sappiano chi sta pagando. Se vi invitano al loro tavolo, siete obbligati a sedervi per almeno un drink, forse due, se il tavolo non è stato aperto.Speriamo che questo vi aiuti a realizzare ciò che desiderate.

Se siete a un altro tavolo con dei colleghi e iniziate a sparare bicchieri allo stesso tavolo, potrebbe iniziare una gara di tiro a segno. Loro comprano, voi comprate, e così via. Cercate di limitarlo il più possibile, ma se i vostri clienti sono in vena, potreste doverne prendere uno per la squadra. A volte è proprio così che va.

Ovunque un uomo vada nella vita, e in qualsiasi situazione si trovi, può sempre svolgere il ruolo di padrone di casa: creare cameratismo, mettere gli altri a proprio agio e garantire che tutti si divertano. L'acquisto di un giro, se fatto con spirito di ospitalità e amicizia, può aiutarvi a rendere qualsiasi riunione calda e memorabile.

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.