Usare la tecnologia come gli Amish

 Usare la tecnologia come gli Amish

James Roberts

Quando si pensa agli Amish, la prima cosa che viene in mente è il loro stile di vita tradizionale e ottocentesco e soprattutto il loro rifiuto della tecnologia.

Eppure, contrariamente a quanto si crede, gli Amish non rifiutano tutti Sebbene le linee guida sull'uso della tecnologia varino da una comunità all'altra, in molte di esse gli Amish usano l'elettricità, il telefono e persino una sorta di computer.

Tuttavia, hanno certamente creato modifiche molto particolari per l'utilizzo di questa tecnologia.

L'elettricità non proviene dalla rete elettrica locale, ma da generatori diesel e pannelli solari.

Sebbene gli Amish non abbiano telefoni nelle loro case individuali, ci sono telefoni disponibili in baracche comuni dall'aspetto di una dependance, chiamate "baracche del telefono".

E anche se non troverete la maggior parte degli Amish intenti a lavorare sull'ultimo portatile Apple, alcuni usano un elaboratore di testi molto ridotto che offre le funzioni di base, ma non ha la possibilità di accedere a Internet, ai giochi, ai video, ecc.

Guarda anche: Fumare la pipa per i principianti: come confezionare, accendere e utilizzare una pipa di tabacco

Sebbene strane per un estraneo, tutte queste modifiche d'uso hanno una cosa in comune: permettono agli Amish di utilizzare la tecnologia in modo da non sconvolgere il loro stile di vita.

Gli Amish apprezzano il tempo trascorso in famiglia, i legami con il vicinato, la semplicità e l'autosufficienza. Le tecnologie che sostengono questi valori sono benvenute, mentre quelle che li erodono sono evitate.

Affidandosi a fonti di energia elettrica proprie e indipendenti, anziché alla rete, gli Amish sono in grado di mantenere la loro autosufficienza.

Utilizzando un telefono comunitario, gli Amish ottengono i vantaggi che derivano dal servizio telefonico (come la possibilità di chiamare un medico in caso di emergenza o di fare affari con gli estranei) e al tempo stesso ne rendono l'uso abbastanza scomodo da evitare quelli che considerano gli aspetti negativi dei telefoni personali: la diminuzione delle conversazioni faccia a faccia e l'aumento della distrazione.

È per un motivo simile che evitano i computer moderni, così come le radio e le televisioni; vedono questi dispositivi, e il modo in cui forniscono intrattenimento personale, come qualcosa che frammenterebbe le famiglie e la comunità in generale.

Quindi, invece di pensare agli Amish come anti-tecnologia, sarebbe più corretto dire che sono incredibilmente intenzionale Quando arriva una nuova innovazione, una comunità Amish la esamina, soppesandone i benefici e gli svantaggi, nonché il potenziale effetto sui propri valori e sul proprio stile di vita. Riflettendo bene, a volte vietano del tutto una certa tecnologia; altre volte ne vietano l'uso. illimitato Due volte all'anno, i membri di ogni comunità Amish si riuniscono per rivedere il piano d'azione. Ordnung - le regole che governano il loro stile di vita - e discutere se sia necessario apportare modifiche al modo in cui utilizzano la tecnologia e/o affermare le loro attuali pratiche di utilizzo.

Questo approccio alla tecnologia è in contrasto con quello di una persona media.

Esce un nuovo dispositivo o un nuovo servizio digitale, sembra super fantastico e, senza pensarci troppo, lo si compra e si inizia a usarlo. Si pensa che se è nuovo, deve essere migliore; non c'è niente da fare. Ben presto, non si riesce a immaginare la propria vita senza.

Ma poi, qualche mese o anno dopo, iniziate a sentirvi a disagio per il modo in cui la nuova tecnologia sta influenzando la vostra vita. Non vi piace il fatto di controllare costantemente il vostro telefono per scorrere Instagram. Vi sentite infastiditi, sconfortati e anche un po' tristi quando notate che i membri della vostra famiglia sono sempre spenti nelle loro stanze, sui loro dispositivi, a guardare la luce blu del loro computer.Non avete pensato a come la tecnologia che avete introdotto nella vostra vita e le abitudini che avete creato intorno ad essa avrebbero avuto un impatto sulla vostra mente, sulla routine, sui legami, sulla cultura familiare e sui valori, e ora che sono emersi seri inconvenienti della tecnologia, vi sembra difficile rimettere le cose a posto.

Guarda anche: 7 tecniche per catturare l'attenzione delle persone

Se vi sentite così nei confronti della vostra tecnologia, forse è il caso di prendere esempio dagli Amish: non per essere così severi come loro, ma piuttosto per affrontarla con maggiore intenzione.

Il primo passo è sapere di cosa si tratta, proprio come fanno gli Amish, che hanno ben chiari i loro valori e si assicurano che l'uso della tecnologia li supporti.

Quindi la prima domanda è: qual è il tuo obiettivo nella vita?

Dopo aver capito questo, esaminate le nuove tecnologie che potreste introdurre nella vostra orbita. prima Se ha più lati negativi che positivi, non iniziate nemmeno a usarlo.

Fate una riflessione analoga sui dispositivi e sulle applicazioni che già utilizzate: cosa aggiungono alla vostra vita e cosa tolgono? Se avete una famiglia, prendete in considerazione l'idea di organizzare una versione personale di un consiglio della comunità Amish per discutere insieme.

Come gli Amish, questo non significa sempre evitare del tutto un dispositivo tecnologico, ma piuttosto implementare delle restrizioni sul suo utilizzo che ne massimizzino i benefici e ne riducano al minimo gli svantaggi. Può significare inserire delle applicazioni sul telefono (o utilizzare le funzioni di Screen Time di Apple) per bloccare l'utilizzo di altri dispositivi.Potrebbe significare decidere di non controllare il telefono al mattino se non dopo aver fatto una sessione di studio delle Scritture o di meditazione; potrebbe significare vietare l'uso dello smartphone a tavola o imporre la regola che la console per videogiochi di casa non può essere usata individualmente, ma solo per giocare con un altro membro della famiglia.

Così come ogni comunità Amish ha le proprie regole e linee guida sull'uso della tecnologia, ogni individuo e ogni famiglia avranno le proprie regole e linee guida sulla tecnologia.

Se siete alla ricerca di domande specifiche per guidare il vostro uso intenzionale della tecnologia, date un'occhiata a questo ottimo elenco di The Convivial Society. Ecco alcune delle mie preferite:

  • Che tipo di persona diventerò con l'uso di questa tecnologia?
  • In che modo l'uso di questa tecnologia dà forma alla mia visione di una buona vita?
  • Quali abitudini infonderà l'uso di questa tecnologia?
  • In che modo l'uso di questa tecnologia influenzerà la mia esperienza del tempo?
  • In che modo l'uso di questa tecnologia influenzerà la mia esperienza del luogo?
  • In che modo l'uso di questa tecnologia influenzerà il mio modo di relazionarmi con le altre persone?
  • In che modo l'uso di questa tecnologia dà forma alla mia visione di una buona vita?
  • Posso immaginare di vivere senza questa tecnologia? Perché, o perché no?
  • Quali desideri genera l'uso di questa tecnologia?
  • Quali sono i potenziali danni a me stesso, agli altri o al mondo che potrebbero derivare dall'uso di questa tecnologia?
  • L'uso che faccio di questa tecnologia mi spinge a considerare gli altri come un mezzo per raggiungere un fine?
  • L'uso di questa tecnologia rende più facile vivere come se non avessi responsabilità nei confronti del prossimo?

Usare la tecnologia come gli Amish non significa sostituire l'auto con un calesse e il computer con una calcolatrice; significa semplicemente conoscere il fine che si vuole raggiungere e usare la tecnologia in modo da migliorare il percorso per arrivarci, anziché ostacolarlo.

James Roberts

James Roberts è uno scrittore ed editore specializzato in interessi maschili e argomenti sullo stile di vita. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, ha scritto innumerevoli articoli e post di blog per varie pubblicazioni e siti Web, coprendo una vasta gamma di argomenti, dalla moda e la cura del corpo al fitness e alle relazioni. James si è laureato in giornalismo presso l'Università della California, a Los Angeles, e ha lavorato per numerose importanti pubblicazioni, tra cui Men's Health e GQ. Quando non scrive, ama fare escursioni ed esplorare i grandi spazi aperti.